Dove cercare i migliori corsi di inglese?

Conoscere bene l’inglese è oggi un’abilità molto richiesta, soprattutto in ambito lavorativo, in ragione della sempre maggiore interconnessione del mondo in cui viviamo. Sono molti coloro che pertanto percepiscono l’importanza di approcciare alla lingua più parlata del mondo, sia per impararla dal principio, sia per approfondirla e perfezionarla. L’offerta formativa di corsi di inglese per bambini, per ragazzi e per adulti è piuttosto ampia e di essa si occupano molti istituti, scuole, associazioni culturali e enti di formazione. Tali corsi di inglese sono strutturati, nei metodi di insegnamento e nei materiali proposti, sulla base del pubblico a cui intendono riferirsi. Vi sono inoltre corsi per aziende, corsi individuali e corsi messi a punto per aiutare gli studenti a passare gli esami e a conseguire le certificazioni linguistiche. A livello generale i corsi di inglese sono organizzati su più livelli, a partire da quello base per arrivare a quello avanzato, finalizzato ad affinare l’abilità nella conversazione. Il livello base tratta il primo approccio alla lingua, prevalentemente da un punto di vista grammaticale e di familiarizzazione con il lessico formale e relativo alle situazioni della vita quotidiana. Nei livelli successivi si passerà prevalentemente alla conversazione parlata e alla comprensione delle tradizioni della cultura inglese. Attualmente le opportunità formative offerte dai corsi di inglese sono anche sul web. Grazie al riconoscimento legale della formazione a distanza oggi vi sono molte possibilità di seguire lezioni online di lingua. Questa opportunità viene intrapresa soprattutto da coloro i cui impegni gli impediscono di iscriversi a un corso presso un istituto formativo. 

La città di Torino offre molte realtà dove imparare ad essere un sommelier

diventare sommelier

La passione per il vino si riconosce molto presto, ma succede spesso che, con il passare del tempo, si desideri renderla la propria professione ed è così che si decide di diventare sommelier. Per diventare sommelier, quindi, ci vuole una grandissima passione per i vini e anche per il buon cibo. Il sommelier è una persona che, attraverso la degustazione dei vini, è capace di descriverne tutte le varie caratteristiche e i sapori, proponendo i migliori abbinamenti culinari. Per diventare sommelier bisogna seguire un percorso che è composto da 3 livelli. Non è necessario possedere dei requisiti specifici per svolgere questa professione, ma per diventare sommelier professionisti è fondamentale seguire questo corso e completare tutti e tre i livelli. Nel primo livello si imparano quelle che sono le sue funzioni, la fisiologia dei sensi, l’analisi sensoriale, i tipi di viticoltura, le tipologie enologiche, la legislazione vitivinicola, i distillati e le tipologie di birre o di altre bevande, con un esamino finale. Nel secondo livello, invece, si studiano i vini delle regioni e dei paesi produttori di vino e si sostiene un test finale, mentre nel terzo livello si studiano tutti i possibili abbinamenti tra i vini e i cibi, quindi l’alimentazione, la metodologia di abbinamento, gli antipasti, le carni, i pesci, i primi piatti, i condimenti, le sanse, le verdure, i formaggi e i dolci, con un ultimo esame, da sostenere dopo l’ultima lezione di riepilogo. Se anche desideri davvero diventare sommelier devi sapere che c’è una grande differenza tra un sommelier e un assaggiatore di vini, poiché il primo si concentra giudizio tecnico e sulla qualità dei vini, mentre il sommelier sa dare ascolto ai propri sensi, mettendo eleganza nella presentazione, nel servizio e nell’abbinamento dei vini. Se vuoi diventare sommelier inizia il tuo percorso e diventa un vero professionista!