Acquistare Faba vuol dire puntare in alto

Il marchio Faba per la qualità nella ristorazione

Le vostre piadine speck e brie? Per ogni esigenza di riscaldare piatti del genere, dietro c’è una piastra che lavora per questo. Faba costruisce e commercializza piastre di alta qualità che vengono utilizzate in moltissimi esercizi commerciali, perché l’affidabilità di questo marchio è supportata da anni di esperienza e di attenzione sia dal punto di vista costitutivo, che dal punto di vista dell’assistenza, grazie ad una rete efficace in grado di offrire una comunicazione efficiente ai clienti sparsi in tutto il mondo. Le piastre e le attrezzature di questo marchio sono in primo luogo sicure. Perché troppo spesso ci si trova a dover lavorare in condizioni di fretta oppure in altre situazioni poco piacevoli, per questo è necessario affidarsi ad attrezzature in grado di offrire durevolezza e che rispettano pienamente le regole di sicurezza. Infatti le piastre Faba sono sottoposte a controlli severi e rispettano tutte le norme vigenti nella Comunità Europea.

La sicurezza però non è tutto, infatti queste piastre sono costruite seguendo linee di design piacevoli ed ergonomiche, ovviamente per rendere l’esperienza lavorativa di chi le adopera, sia soddisfacente che piacevole, perché è naturale che anche l’occhio vuole la sua parte. Le piastre sono quindi costruite su progetti altamente innovativi ed abbiamo fondamentalmente due varianti costitutive, due mondi che sembrano distanti, ad un primo sguardo, forse, ma che in realtà possiamo scoprire che sono assolutamente complementari. Nella linea di produzione di queste piastre targate Faba esistono fondamentalmente due tipi di prodotti. La prima tipologia specifica è costituita dalla linea di piastre in ghisa, la seconda invece è rappresentata dalle piastre in vetroceramica.

Non esiste, in linea di massima, un criterio specifico per scegliere fra questi due tipi di piastra, possiamo solo consigliare a chi si approccia al loro acquisto, di valutare bene le proprie esigenze per riceverà completa soddisfazione. Altre tipologie di piastre Faba sono definite per altre caratteristiche legate alle dimensioni, esistono quindi piastre singole o doppie, ed esistono anche piastre lisce e rigate, ovviamente saranno le esigenze del cliente a guidare la scelta. La particolarità di queste piastre è quella di riuscire a durare nel tempo ed a funzionare in maniera ottimale in maniera omogenea, facendo particolarmente attenzioni a nuovi parametri un tempo erroneamente non ritenuti molto importanti, come per esempio, il parametro del risparmio energetico.

Cosa sapere sulla gestione commessa Bergamo

Saper sfruttare la gestione commessa Bergamo è importante per raggiungere buoni risultati

Un software per la gestione commessa Bergamo è diventato per le aziende uno strumento ormai insostituibile per consentire il tracciamento economico della commessa in qualsiasi circostanza, fatto che lo rende una soluzione utile per tenere sotto controllo ogni aspetto delle commesse. Le aziende di Bergamo possono utilizzare un software gestione commessa per implementare il controllo gestionale e di conseguenza il proprio business. Il software gestione commesse permette alle piccole e medie aziende di Bergamo di risolvere criticità legate al business e di controllare economicamente e finanziariamente le commesse aziendali. Con un software gestione commessa Bergamo per le pmi queste potranno finalmente definire tutta una serie di oggetti di controllo come macchine, servizi, documenti standard, risorse umane, lavorazioni e note spese, e trasformarli in uno specifico contenitore di dati sia pianificati che effettivi. Grazie a queste funzionalità il software gestione commessa disponibile a Bergamo si propone come uno strumento flessibile per il controllo di tutta una serie di commesse e che consente di gestire senza distinzioni aziende di produzione, aziende di servizi e consulenza e di engineering.

Tra i punti di forza del software gestione commessa messi a disposizione delle aziende di Bergamo la possibilità di incrementare concretamente il margine medio per progetto e di ridurre la variazione di margine e gli sforamenti imprevisti del costo di progetto. Non solo, con un software gestione commessa Bergamo le piccole e medie imprese potranno finalmente migliorare il processo decisionale rendendolo più rapido e accorto grazie all’accesso in tempo reale a informazioni strategiche che potranno essere utilizzate per accrescere l’efficacia del processo decisionale. Con il software gestione commessa le piccole e medie imprese di Bergamo potranno anche massimizzare la produttività di forza lavoro e attrezzature, accelerare l’elaborazione e la monetizzazione delle modifiche dell’ambito del progetto, e soprattutto migliorare la liquidità dello stato attuale delle finanze sin da subito. In sostanza con un software gestione commessa le aziende avranno a disposizione uno strumento flessibile e di semplice implementazione che permetterà di controllare concretamente tutte le fasi operative ed organizzative della commessa rigorosamente in tempo reale, consentendo di avere informazioni sulle risorse allocate e i documenti correlati mediante una interfaccia immediata ed intuitiva. Si tratta in sostanza di una soluzione aziendale in grado di estendere il concetto stesso di progetto e di trasformarlo da semplice collettore di costi e ricavi in un vero e proprio protagonista attivo della gestione aziendale.

Con il software gestione commessa Bergamo le aziende potranno quindi definire oggetti di controllo facendoli diventare dei veri e propri contenitori di dati sia pianificati che effettivi utili per gestire la commessa sia a livello temporale che finanziario. Utilizzando un software gestione commessa Bergamo le pmi avranno quindi a disposizione un elemento fondamentale per facilitare il raggiungimento degli elevati standard di qualità ed efficienza necessari per acquisire competitività sui diversi mercati. Insomma per tutti questi motivi il consiglio per tutte le imprese di Bergamo che lavorano su commessa è quello di dotarsi di una soluzione come il software gestione commessa per prestare un’attenzione costante a costi e tempistiche delle attività.

Trapianto della cornea: come si svolge l’intervento in clinica

L’esecuzione del trapianto della cornea è davvero molto semplice

Vi sono molte patologie oculari che interessano milioni di persone ma quelle più pericolose sono senza dubbio quelle che interessano la cornea, ovvero la lente principale dei nostri occhi. Il trapianto della cornea è spesso l’unica soluzione per alcune patologie e consiste nella sostituzione di alcuni strati alterati della cornea. La cornea è quindi una lente che ha un potere circa doppio rispetto a quello del cristallino e la sua perfetta efficienza dipende da una perfetta trasparenza e da una curvatura regolare. Le malattie della cornea vanno ad alterare questi equilibri e il suo metabolismo portando alla progressiva perdita della trasparenza a causa della creazione di tessuto cicatriziale o di neovasi. In questo senso esistono molte malattie della cornea che vanno a intaccare direttamente la sua trasparenza e sono di tipo tossico, meccanico, infettivo o infiammatorio.

Una delle malattie più diffuse e che colpisce in particolar modo i giovani è il cheratocono, una patologia che porta al progressivo assottigliamento e sfiancamento della cornea e si rende spesso necessario pensare all’esecuzione del trapianto della cornea. Se non opportunamente affrontato il cheratocono può condurre anche alla perforazione della cornea, ecco perché è consigliabile eseguire periodiche visite presso i centri specializzati in modo da permettere agli oculisti di eseguire tutti gli esami del caso e valutare, ove necessario, il ricorso a un trapianto della cornea. Vi sono anche altre malattie che colpiscono la cornea e le cellule che rivestono internamente l’endotelio, ovvero il tessuto corneale, alternando la loro trasparenza e determinando l’opacizzazione corneale. Di solito gli specialisti provano varie cure per la cura delle malattie corneali ma nei casi più gravi è necessario procedere quanto prima con il trapianto di cornea.

In realtà esistono varie tipologie di trapianto di cornea e i recenti progressi scientifici inducono a trovare sempre nuove modalità di intervento per diminuire la loro invasività a tutto vantaggio del paziente. La maggior parte delle malattie che colpiscono la cornea ne colpiscono solamente alcuni strati, di conseguenza la tendenza degli ultimi tempi è quella di concentrarsi nel trapianto solo degli strati malati della cornea. Negli ultimi anni si è quindi assistito a una reale rivoluzione delle tecniche chirurgiche di trapianto della cornea che consente oggi di affiancare al classico trapianto a tutto spessore (cheratoplastica perforante) anche altre tecniche di trapianto di cornea chiamate lamellari che consistono nel trapianto di solo uno strato della cornea (lamella).

Moltissimi oculisti specializzati nel trapianto della cornea quindi tendono a utilizzare la cheratoplastica lamellare, una tecnica molto meno invasiva della cheratoplastica perforante in quanto non intacca il bulbo oculare e consente di ottenere ottimi risultati in completa sicurezza. Con la cheratoplastica lamellare il trapianto della cornea si esegue eliminando solamente gli strati anteriori opachi o alterati della cornea e regolarizzando lo spessore del tessuto corneale che può essere alternato da varie malattie come il cheratocono. A differenza che con la cheratoplastica perforante con questa tecnica il trapianto della cornea diventa più semplice e rapido e soprattutto si elimina il rischio di rigetto. Non solo, il trapianto di cornea con la cheratoplastica lamellare può essere eseguito in anestesia locale e in maniera ambulatoriale, senza cioè il ricorso a ricoveri e degenze in strutture ospedaliere.

Osteopatia Torino: gli esercizi e i massaggi effettuati

Come si svolge solitamente una seduta di osteopatia Torino e chi può beneficiarne

A Torino l’osteopatia è arrivata ad essere una realtà all’interno delle terapie mediche fra le più in ascesa. Dove nasce questa disciplina? Questa disciplina nacque negli Stati Uniti d’America. L’osteopatia Torino deriva da antiche discipline ed è arrivata dalle idee che hanno rivoluzionato la medicina del Dott. Andrew Taylor Still Il Dott. Still visse la guerra civile che coinvolse il suo paese e vide le conseguenze mediche della guerra, la sofferenza dei corpi feriti e come la medicina tradizionale dell’epoca cercava di prendersene cura. Fu così che prese la decisione di mutare completamente la forma mentis per la cura del dolore. Egli insomma partì dal benessere del corpo e mise insieme concetti ed astrazioni che inizialmente furono viste come mera filosofia ma che poi si concretizzarono in una vera e propria scienza. Il Dottor Still per affrontare la terapia del dolore inventò una nuova filosofia, una filosofia che concepiva il corpo in primo luogo come una entità singola, unica e totale, in questo corpo regolano lo stare bene gli impulsi nervosi ed i flussi di sangue.

Quindi l’osteopatia Torino risulta essere un grande calderone di principi e vere e proprie pratiche basate su principi come l’identità fra struttura fisica e fisiologica e relative funzioni, l’unitarietà del corpo, e diversi altri assunti. Possiamo insomma dire che in generale, questa medicina punti a rifuggire l’assunzione di farmaci da parte del paziente è che debba affrontare interventi chirurgici. L’osteopatia Torino si è affermata anche per questo, per questo suo tentativo di relegare questo tipo di metodologie solo in situazioni limite che rendano indispensabile ricorrere a farmaci e chirurgi. Si tratta insomma di un tentativo per far sì che la sofferenza del paziente non venga aumentata dall’impatto negativo che certe terapie possono produrre. Questa medicina venne definita al suo esordio anche ambigua ma oggi è ormai una realtà che ha permesso l’alleviarsi e lo scomparire del dolore in un numero molto importante di pazienti. Ma quali sono le tecniche specifiche che utilizzano gli osteopati e le osteopate? I professionisti sanitari in osteopatia, ed l’osteopatia Torino ricordiamo che è ben rappresentata in molte strutture specializzate, compiono delle manipolazioni del corpo dei pazienti, ovvero manipolano tramite il contatto le articolazioni del paziente, in virtù dell’esistenza di una vera e propria connessione fra il posizionamento non corretto di esse e le patologie che creano il dolore per varie cause.

La prima causa è il flusso non corretto del sangue, la seconda invece risiede negli impulsi nervosi. Il principio cardine sul quali si basa l’osteopatia è la concezione del corpo come un’unità. Si tratta di un principio assai importante e ci pone nella condizione di capire che lo star bene e la salute del nostro corpo è qualcosa che deve essere affrontato da una molteplicità di punti di vista. L’osteopatia Torino è in ascesa perché sempre più persone hanno capito che a volte la causa che provoca dolore non è detto che debba per forza essere localizzata dove proviamo dolore. Esistono corsi di formazione professionale in osteopatia, si tratta di una materia assai ampia, ciò detto fin ora ne è solo una piccola parte.

Gestione tesoreria: i programmi maggiormente in uso

Un software che si occupa della gestione tesoreria si rivela indispensabile alle imprese

Le aziende per riuscire a rimanere competitive sul mercato devono ottimizzare in tutti i modi le proprie operazioni finanziarie e possono farlo con successo grazie a un software specifico per la gestione tesoreria, una soluzione perfetta che consente di automatizzare procedure complesse come la redazione dei libri, l’apertura e manutenzione degli account, le registrazioni contabili e anche l’adeguamento delle valute estere. Il programma di gestione tesoreria è uno strumento assolutamente necessario per facilitare sotto ogni punto di vista la gestione del denaro. Le aziende che utilizzano un sistema integrato di gestione tesoreria possono ottenere un pieno controllo della pianificazione finanziaria razionalizzando ogni singola attività nell’ottica del miglioramento del business. Del resto per le aziende è diventato del tutto ineludibile gestire adeguatamente il denaro e senza gli strumenti adeguati il rischio di andare incontro a brutte sorprese è sempre dietro l’angolo. Il software gestione tesoreria risponde quindi all’esigenza delle aziende di conoscere l’effettiva situazione delle proprie finanze e di creare valore concretamente.

Solo per fare un esempio circa le innumerevoli funzionalità offerte alle aziende da un software gestione tesoreria si pensi alla possibilità di gestire le proiezioni sul grado di utilizzo e di disponibilità di conti correnti, alla possibilità di effettuare analisi in tempo reale dei flussi di cassa e alla capacità di integrare il tutto con il proprio sistema contabile. Andando maggiormente nel dettaglio una gestione tesoreria consente di implementare in azienda una efficace gestione anticipata della tesoreria così da spostare sempre in avanti l’orizzonte temporale del tesoriere mediante una gestione anticipata dei flussi così da prevenire la formazione di saldi attivi su alcuni conti e passivi su altri. Ovviamente con un software di gestione tesoreria diventerà finalmente possibile anche controllare concretamente l’operato delle banche mediante l’elaborazione automatica degli estratti conto, degli interessi, degli scostamenti e dei movimenti provvisori. Non bisognerebbe mai dimenticare come la gestione tesoreria sia letteralmente alla base della finanza d’impresa al punto da diventare un vero e proprio motore della finanza d’impresa.

Si tratta di un sistema integrato di gestione tesoreria sviluppato appositamente per venire incontro alle specifiche esigenze delle piccole, medi e grandi imprese e per fornire un accurato quadro in tempo reale della situazione dei flussi, delle disponibilità e dei fabbisogni. Inoltre una integrazione completa con i servizi di corporate banking permette di utilizzare le funzionalità di gestione tesoreria per interfacciarsi in modo diretto con le banche. Le aziende con una gestione tesoreria potranno quindi eseguire un monitoraggio costante di tutte le attività del business acquisendo così rapidamente un maggior potere di negoziazione. Del resto il software gestione tesoreria sfrutta proprio la capacità di generare flussi di cassa nel lungo periodo grazie alla gestione operativa per creare valore. In questo modo si potrà pensare ai flussi di cassa come a un indicatore della capacità di sviluppo sostenibile da parte di un’azienda, considerandoli a pieno titolo come una misura oggettiva della performance aziendale. Riassumendo quindi con un software gestione tesoreria le aziende potranno assicurare risorse finanziarie per sostenere l’attività corrente e assicurarne lo sviluppo futuro.

Sales Force Automation: ecco cosa significa il termine inglese

Chi ha sperimentato la Sales Force Automation è molto avvantaggiato!

Con il termine Sales Force Automation, o SFA, si intende l’automazione della rete di vendita, uno degli aspetti più importanti per tutte quelle aziende che vogliono intraprendere un duraturo percorso di crescita nel tempo. Con Sales Force Automation si intende un sistema e possiamo quindi fare riferimento all’adozione da parte delle realtà aziendali di soluzioni tecnologiche mirate a rendere da subito più efficace la forza vendita e a potenziare la produttività ottimizzando i processi di business. Oltre a semplificare procedure complesse e a consentire risparmi nei costi di gestione non indifferenti, le soluzioni di Sales Force Automation offrono alle aziende tutta una serie di vantaggi che vanno dall’ottimizzazione del processo di vendita fino alla riduzione degli errori umani e dei tempi di elaborazione, all’eliminazione di listini e cataloghi cartacei e infine al monitoraggio dell’effettivo stato del proprio business.

Tutte le piccole e medie aziende che adottano soluzioni di Sales Force Automation possono avere sempre una comunicazione attiva in tempo reale con tutti propri agenti di commercio, che potranno così confrontarsi in modo proficuo e scambiare dati in modo da potenziare il business. Stiamo parlando di un vero e proprio filo diretto tra gli agenti e il sistema informativo aziendale che consente all’imprese di poter esercitare in qualsiasi momento un controllo totale delle attività di vendita grazie alla sincronizzazione dei dati e delle informazioni come preventivi e ordini anagrafiche clienti. Una buona soluzione di Sales Force Automation deve sapersi adattare e integrare con il gestionale aziendale e soprattutto deve poter aggiungere in qualsiasi momento nuovi moduli e funzionalità. Con le soluzioni di Sales Force Automation le aziende avranno a disposizione un sistema avanzato che permette di rendere gli agenti più efficienti mediante tutta una serie di funzionalità avanzate come l’ottimizzazione del giro visite, la gestione delle condizioni commerciali del cliente e le proiezioni di business intelligence. Alla base del successo delle Sales Force Automation c’è la raccolta di dati con la possibilità di elaborare rapporti statistici su dati di vendita anno per anno e grafici dettagliati sull’analisi del venduto per elaborare nuove strategie commerciali e di marketing.

Ormai le aziende hanno a disposizione una vasta gamma di programmi informatici aziendali di supporto alle vendite che consentono di migliorare la comunicazione tra venditori e centrale operativa e anche di programmare e pianificare nel dettaglio ogni loro azione assistendoli passo passo nella messa a punto di un piano vendita o della promozione di un determinato prodotto. Facendo un esempio concreto con la Sales Forces Automation i venditori potrebbero finalmente avvisare i clienti di eventuali nuovi promozioni al momento giusto ed evitare eventuali problemi derivanti dalla non sincronia dei vari organi e reparti di un’azienda. Insomma, le soluzioni di Sales Force Automation rappresentano uno strumento ormai insostituibile per le aziende in quanto permette di aggiornare la rete di vendita e di potenziarla già dopo pochissimo tempo. Le soluzioni di SFA sono poi adattabili a qualsiasi contesto merceologico e sono state concepite espressamente per soddisfare ogni necessità specifica del settore e per essere facili da utilizzare da parte di chiunque.

Laser occhi: grazie alla tecnologia si starà sempre meglio!

In molti scelgono di sottoporsi ai trattamenti laser occhi per guarire!

Le tecniche laser per occhi sono sempre più utilizzate sia nel campo della chirurgia refrattiva che per trattare patologie oculistiche degenerative o per risolvere il problema della cataratta. Le tecniche utilizzate per il laser occhi nei diversi casi sono differenti, come le indicazioni pre operatorie e il grado di riuscita poiché per le ametropie il recupero è totale nella maggioranza dei casi mentre per gli altri casi il laser serve a stabilizzare e a ridurre il deficit, ma il ripristino completo della vista può dipendere da molti fattori. Discorso a parte merita invece l’intervento per la cataratta che assicura alte probabilità di riuscita e di recupero completo della vista; questo intervento viene infatti considerato come uno dei più affidabili nel campo oculistico grazie alle continue ricerche condotte negli anni che hanno permesso di perfezionare l’operazione.

Il laser occhi è così ampiamente utilizzato perché permette di intervenire in maniera non troppo invasiva, di trattare in maniera efficiente il deficit e di garantire dei tempi di ripresa abbastanza brevi. Nel caso del trattamento delle ametropie (miopia, ipermetropia, astigmatismo), dello strabismo e della presbiopia l’intervento laser agli occhi viene svolto in regime ambulatoriale o di day hospital, quindi il paziente può rientrare a casa il giorno stesso dell’operazione. Questo permette di abbattere i costi legati a un ricovero e di non incidere troppo sullo svolgimento delle attività quotidiane del paziente; questi di solito deve osservare un breve periodo di riposo per permettere all’apparato visivo di adattarsi alle nuove condizioni e deve seguire le indicazioni terapeutiche relative all’uso di specifici colliri.

Negli interventi laser occhi di chirurgia refrattiva viene modificata la curvatura della cornea in modo tale che la rifrazione delle immagini che prima dell’intervento era scorretta possa essere modificata in modo tale che non vi sia il deficit visivo. Nel caso della miopia la cornea viene appiattita in base all’entità del deficit, mentre nell’ipermetropia la curvatura della cornea viene aumentata. Per effettuare questo tipo di interventi laser agli occhi vengono oggi comunemente utilizzate le tecniche Lasik, PRK e Lasek, a seconda della natura e del grado di deficit. Per potersi sottoporre a un intervento del genere è necessario che il paziente abbia compiuto almeno 18 anni e che il deficit visivo sia stabile da almeno due anni, anche se nei casi di ametropie lievi la stabilizzazione può essere valutata anche per un solo anno. Questa indicazione serve ad abbassare il rischio di dover operare soggetti che poi dovranno sottoporsi di nuovo all’intervento perché nel caso di deficit non stabili questi possono ripresentarsi e quindi rendere necessario un nuovo intervento per la risoluzione totale.

Gli interventi laser occhi possono essere eseguiti sia da strutture pubbliche da strutture private. Non tutte le strutture pubbliche sono però dotate di tecnologie laser quindi è da verificare la disponibilità delle attrezzature e l’inserimento dell’intervento tra quelli che possono essere eseguiti tramite il pagamento del ticket. In alcune ASL vengono effettuati anche interventi di PRK o Lasik che pur non essendo coperte dal ticket possono essere effettuate previo pagamento del costo previsto. Questo solitamente si aggira sugli 850 euro per occhio nel caso della Lasik e sui 750 euro nel caso della PRK.